fbpx

Box doccia con anta scorrevole

Home > Guida alla scelta > Box doccia con anta scorrevole

La cabina doccia con ante scorrevoli è composta da uno o più pannelli fissi e uno o più pannelli scorrevoli, a seconda della grandezza del vano doccia.

Anta scorrevole: caratteristiche

La cabina doccia scorrevole può essere montata in nicchia, angolare, 3 lati e 4 lati ed è caratterizzata dal vetro che scorre all’interno di un binario grazie ad appositi cuscinetti, posizionati nella parte interna del profilo e di solito montati a vista. Per garantire un movimento fluido, i migliori cuscinetti sono in acciaio e teflon, come quelli usati da Relax su tutti i modelli. Di norma una volta assemblata la cabina doccia, i cuscinetti sono regolabili per migliorare la scorrevolezza della porta. A volte, lo scorrevole è valorizzato, come nel modello Axia di Relax, con una barra di dimensione ridotte rispetto alla media per offrire uno stile tecnico e leggero. In alcuni modelli, al contrario, i cuscinetti sono mascherati, assieme al binario sul quale si muovono, con un profilo interno. È una scelta estetica, che rende il design più raffinato, e anche pratica perché previene lo sporco, e la pulizia è più facile e veloce. Come esempio, consigliamo i modelli Puro, Unico ed Evox di Relax.

I box doccia scorrevoli si differenziano a seconda che siano con telaio o senza telaio nella parte inferiore (entrambi nella parte superiore hanno un profilo per alloggiare i cuscinetti di scorrimento). Il box doccia scorrevole con telaio prevede, nella parte inferiore, lo stesso profilo posizionato in alto e altri due cuscinetti integrati con il meccanismo per lo sgancio dell’anta. Il box doccia scorrevole senza telaio, invece, presenta nella parte inferiore solo un profilo più sottile, che fa da guida allo scorrimento della porta.

Anta scorrevole: accessori

Esistono versioni di ante scorrevoli con soft close, ovvero un sistema di chiusura morbida che rallenta la chiusura della porta per evitare che possa sbattere. È proposto nelle cabine doccia con dimensioni a partire da 120 cm, vale a dire nel caso di box ad angolo con la porta e un fisso oppure di box in nicchia. Nel caso di angolare con due porte le dimensioni, di solito ridotte, non sono tecnicamente adatte per questa soluzione.
Alcuni modelli prevedono la possibilità di sgancio dell’anta per sbloccare il vetro dal basso e lasciarlo ancorato nella parte alta per pulire con più facilità i vetri. Per esempio, in Relax lo offriamo quando sono richieste dimensioni speciali, che comportano la sovrapposizione fra l’anta fissa e l’anta scorrevole.

Vantaggi dell’anta scorrevole

Le cabine doccia con anta scorrevole offrono assoluta libertà nelle dimensioni da scegliere perché è possibile soddisfarle tutte gestendo con facilità il lato fisso. Sono una soluzione priva di ante che occupano spazio nel resto della stanza e priva di gocciolamento all’esterno della cabina doccia oltre a essere ben ermetica, in particolare quando c’è il telaio inferiore.

Quando evitare l’anta scorrevole

La soluzione con ante scorrevoli riduce lo spazio di accesso. Bisogna perciò considerare che la struttura composta da profili, vetro fisso e sovrapposizione dei vetri comporterà almeno il dimezzamento dell’area effettiva di ingresso. Per questo motivo la porta scorrevole in nicchia è sconsigliabile quando il lato da usare ha una lunghezza inferiore a 100 cm. Un altro elemento che può portare a sconsigliare questa scelta è l’utilizzo di telai in alluminio, invadenti dal punto di vista estetico.